Una passione che affonda le radici nel lontano 1984, quando Luciano Nozza – allora giardiniere del Cimitero Monumentale di Bergamo – e la moglie Loredana decidono di scommettere tutto su un’azienda nuova, che fa sbocciare fiori e crescere piantine stagionali in vaso.
Il seme della nostra storia mette le prime gemme da qui: da giornate che si colorano di centinaia di crisantemi, piantati nel terreno agricolo del padre di Luciano, per servire il Cimitero di Bergamo. Giornate spese al sole, ad imparare l’arte della floricoltura, per far fiorire l’attività grazie a tenacia, volontà e alle capacità imprenditoriali del giovane floricoltore.
Nel giro di qualche anno, l’azienda si amplia: una serra, due, tre… fino a quando viene il momento di trasferirsi per far sì che il sogno prenda il volo, definitivamente.
Nel 1993, Luciano acquista il terreno della Cascina Zarzino di Sopra, in Via Ravarolo, a Verdello (BG) e lì il suo sogno si veste delle dimensioni di una grande serra, ricca di fiori. Tante sono le attese, infinite le speranze, ma la vita decide di mettere a dura prova la famiglia Nozza: nel 2001, a soli 56 anni, Luciano si spegne lasciando l’attività in eredità alla moglie Loredana e al figlio Nicola, allora venticinquenne. La famiglia si trova così ad un bivio: mollare tutto, oppure rimboccarsi le maniche per dar fiato ancora una volta al sogno, per far sbocciare nuove attese.
Nel pensiero e nel cuore dei figli di Luciano – Nicola, Cristina e Clarissa – ha la meglio la parte che richiede più fatica e determinazione, ma che promette anche maggiore soddisfazione. Ecco che allora, come una pianta dalle radici robuste, l’azienda rifiorisce, diventando nel tempo una delle più avanzate tecnologicamente, grazie anche ad un’innovazione ecosostenibile.

Oggi, grazie alle Serre a tecnologia avanzata volute dai figli di Luciano, l’azienda produce oltre 4.000.000 di piantine, di diverse qualità. La filosofia alla base dell’azienda è che le piante ed i fiori vanno trattate come gli esseri umani: un clima più caldo dunque per la piantina neonata, maggiore frescura per la pianta diventata ormai adulta.
Ogni fiore, che sia geranio o viola, oppure una semplice primula, è curato con grande attenzione, perché cresca rigoglioso e con radici sane, specchio di un’azienda che, oggi, è tra le leader del settore.